Si parte dal piazzale del lago e si sale per via Monte Nuda, si oltrepassano la chiesa ed il palaghiaccio fino ad una sterrata in discesa, che si percorre per poche decine di metri, quindi si svolta a sinistra nel sentiero degli Alpini (649A) e al primo bivio si prosegue a destra (649B) verso la loc. Belvedere/Crocetta.

Si supera il ponticello in legno sul Rio Bianco, indi a sinistra fino a costeggiare la recinzione del villaggio a bungalows, quindi si discende rapidamente verso le case della loc.tà Belvedere.
Si svolta a destra e ci si immette nel sentiero 00GEA, che è in questo tratto diviene una carrareccia, che ci conduce al passo della Crocetta e alla strada provinciale.
Questa si percorre in direzione del passo del Cerreto, per circa 50 mt. e, tenendo la destra (649B), si entra nel bosco in direzione del monte Zuccalone, che si raggiunge in circa 40 minuti e merita una breve deviazione, in quanto offre una magnifica vista panoramica della catena del Casarola, del monte Ventasso e della Pietra di Bismantova.
Si riprende il 649B fino alla strada sterrata del Pranda e dopo circa 80 metri si scende a sinistra in una valletta con alcuni laghetti di origine glaciale e si risale quindi verso la strada del Pranda che si attraversa, si entra nel bosco e si discende verso il lungolago (649), che possiamo percorrere in senso orario, non trascurando una piacevole sosta in una delle panchine panoramiche del parco prato Pranda, prima dell’ultima fatica per risalire la pista Pranda e quindi raggiungere il lago Cerretano.

Modalità di fruizione
a piedi
a piedi
con le ciaspole
con le ciaspole
Durata
2.30 ore a piedi
Complessità
Poco impegnativo
Informazioni logistiche

Punto di partenza

Piazzale del Lago del Cerreto 1346 m

Lungo il percorso

Sentiero degli alpini, Località Belvedere, Passo Crocetta (mt. 1261), Monte Zuccalone (mt.1276), Lago Pranda (mt.1273).

Punto di arrivo

Lago del Cerreto

Quota e dislivello
Periodo di fruizione
Caratteristica segnaletica
Segnavia bianco/rosso 649A - 649B - 00 GEA - 649B - 649
Scarica il tracciato KML


Scopri come usare il file KML

A causa del continuo mutamento dell’assetto idrogeologico del territorio, si declina ogni responsabilità rispetto all’esatta corrispondenza delle informazioni fornite e sulle condizioni di fruibilità dell’itinerario.