Tre giorni di cammino lungo la Valle dell’Acquacheta e l’Alta Valle del Tramazzo, che ci condurranno alla famosa Cascata, citata da Dante nel XVI canto dell’Inferno, attraverso vecchi poderi, alcuni dei quali ancora oggi abitati, e antichi mulini, segno della passata presenza dell’uomo.

Tappa 2: Eremo dei Toschi – Lago di Ponte

Nella seconda tappa sarà necessario ripercorrere in senso opposto la strada forestale della tappa precedente fino al bivio con il sentiero 411A. La discesa alla Piana dei Romiti segue in questo caso un tratto di strada forestale e il sentiero 411, fino a giungere nuovamente ai Romiti e alla Cascata del Lavane. Giunti quindi al punto panoramico sulla Cascata dell’Acquacheta, prendiamo a sinistra il sentiero 429 che sale prima dolcemente e poi con tratti assai ripidi fino a Poggio dell’Inferno. La fatica sarà tuttavia alleviata dalla splendida vista degli ampi pascoli, di cui si potrà godere su entrambi i lati del sentiero, e del crinale che da Monte Lavane giunge a Passo Peschiera. Superato P.gio dell’Inferno, si giunge al passo proseguendo a destra lungo la strada forestale con segnavia 555. Da Passo Peschiera continuiamo sul sentiero 555, che ci porterà a risalire il crinale fra il bacino del Montone e quello del Lamone, dal quale potremo ammirare l’Eremo di Gamogna, poco distante da questo luoghi, e l’alta valle del Torrente Acerreta. Giunti quindi a Cozzo del Diavolo, si scende alla strada forestale del Tramazzo lungo il sentiero 553 e proseguendo in direzione M. Collina si giunge a P.gio Gurioli. Da qui imbocchiamo il sentiero 561 tramite il quale si raggiunge il Sentiero Natura di Lago di Ponte e il secondo Punto Tappa del nostro anello, ovvero il Rifugio Casa Ponte.

 

Modalità di fruizione
a piedi
a piedi
Durata
5,5 ore a piedi (fonte Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi)
Complessità
Sentiero escursionistico (E).
Informazioni logistiche

Partenza e arrivo dell’anello di tre giorni: San Benedetto in Alpe (FC). Parcheggio e area di sosta presente nei pressi dell’imbocco del sentiero. Presso il paese possibilità di pernotto e ristoro nelle strutture ricettive presenti.
Mezzi pubblici:
LINEA 127 con partenza da Forlì (Start Romagna)

Quota e dislivello

640 m di dislivello in salita
500 m di quota minima dell’anello nel suo complesso
1103 di quota massima dell’anello nel suo complesso

Periodo di fruizione

Per ammirare la cascata dell’Acquacheta al massimo della portata è sconsigliabile la visita in piena estate. L’anello nel suo complesso è percorribile in ogni periodo dell’anno.

Caratteristica segnaletica
Sentieristica CAI con segni bianco e rossi: 405, 419, 409, 407, 429, 555, 553, 561
Scarica il tracciato KML


Scopri come usare il file KML

A causa del continuo mutamento dell’assetto idrogeologico del territorio, si declina ogni responsabilità rispetto all’esatta corrispondenza delle informazioni fornite e sulle condizioni di fruibilità dell’itinerario.