Il tracciato, di ben 23,7 km, collega Grizzana Morandi e Rocca di Roffeno e dà la possibilità di vedere e conoscere i paesaggi appenninici tanto cari al pittore Giorgio Morandi. Paesi, campi, fiori e angoli solitari sono i soggetti dell’itinerario insieme alle nature morte che ispirarono il grande artista bolognese. Il percorso si snoda tra boschi e campi ed è sicuramente molto panoramico.

Per godere appieno dei paesaggi e delle bellezze dell’itinerario, è possibile spezzettare i 23,7 km del tracciato in due tappe: la prima, di 7,5 km, collega Grizzana Morandi e Vergato, mentre la seconda, dalla Piazza dei Capitani di Vergato, porterà a Rocca di Roffeno percorrendo i rimanenti 16,2 Km.

La seconda tappa è lunga ma non particolarmente impegnativa, e consente già dalla partenza di ammirare il Palazzo dei Capitani, sede del municipio, al cui interno sono custodite le bellissime vetrate dell’artista contemporaneo Vergatese Luigi Ontani.

Inoltre, con brevi deviazioni si potranno ammirare emergenze ambientali e architettoniche di raro splendore come le rocce affioranti in località Finocchia e Serretti di Sopra e le famose Cascate di Labante già protette dalla Comunità Europea, oltre al complesso architettonico di Torre Jussi composto da una casa torre del cinquecento contornata da edifici risalenti al XVII secolo.

Modalità di fruizione
a cavallo
a cavallo
a piedi
a piedi
in MTB
in MTB
Durata
3 ore a piedi (tappa 1) + 5.30 ore a piedi (tappa 2)
Complessità
Sentiero escursionistico (E).
Informazioni logistiche

Tappa 1: Grizzana Morandi-Vergato

Dalla piazza di Grizzana Morandi tramite la provinciale per Vergato si va alla casa di Giorgio Morandi ed alla breve deviazione per i fienili del Campiaro. Si prosegue sulla provinciale e si lambisce Torre, antica casa torre del 1500 e dopo 200 metri si imbocca, a destra, la strada ghiaiata che va all’agriturismo dell’Orso e poi con il percorso C.A.I. 174 ci porta, dopo su mulattiera, a Poggio di Carviano. Si scende seguendo la segnaletica del 174, su sentiero, al nucleo di Cà e poi alla provinciale. Di qui si risale a Cà Piretto e poi su antica mulattiera si scende a Cà Termone e ad Europa.
Dopo il ponte sul Reno a sinistra, per strade urbane, si arriva alla piazza del municipio di Vergato.

Tappa 2: Vergato-Rocca di Roffeno

Dalla Piazza dei Capitani della Montagna (Vergato) si va per Via Garibaldi, Via dell’Ospedale e per Via Fornaci fino alla S.P. per Labante. Qui si segue il percorso C.A.I n° 152 che sale a Rappolo, Razzola poi a Finocchia. Su sentiero si arriva alla spianata della Finocchia poi per strade vicinali a Serretti di Sopra e all’incrocio di sentieri di Casella. Il Percorso Morandiano segue il segnavia C.A.I. 154 fino ad incontrare il 190A a sinistra che attraverso un bosco porta al 190, (alla cui intersezione troviamo una comoda fontana con rubinetto) che segue a destra fino a Ca Aldrovandi e qui lo abbandona per seguire la strada carrabile non asfaltata che passando dall’agriturismo di Lusignano arriva a Serra Sarzana. Imbocca il sentiero CAI 186 che porta a Torre Jussi (palazzo del 1500) e poi segue il 186 C.A.I. fino al Rio Bocca Ravari. Qui il percorso, abbandonando il CAI 186 in prossimità di una svolta a sinistra nei pressi di un alto muro in sasso, prosegue su una carrareccia che fiancheggia sottostrada la provinciale fino al podere di Paruviano e quindi segue la S.P. Zocca-Vergato fino ad arrivare in Piazza Morandi a Ville di Roffeno.

Durante il percorso è possibile trovare acqua in località La Cà, in località Piana all’intersezione tra i sentieri CAI 192/a e 192, e a Fonte Acqua Radiosa.

Quota e dislivello

192 m quota minima totale
558 m quota massima tappa 1
797 m quota massima tappa 2

Periodo di fruizione

Tutto l’anno

Caratteristica segnaletica
Sentieri CAI 174, 152, 154, 190A, 190, 186.
Accesso disabilità
Non accessibile
Link correlati e allegati
  • Carta escursionistica Castel d’Aiano 1:25000;
  • Opuscoli e guide turistiche disponibili presso la sede comunale di Castel d’Aiano;
  • www.casteldaianotrekking.it
Scarica il tracciato KML


Scopri come usare il file KML

A causa del continuo mutamento dell’assetto idrogeologico del territorio, si declina ogni responsabilità rispetto all’esatta corrispondenza delle informazioni fornite e sulle condizioni di fruibilità dell’itinerario.