Un interessante anello con partenza dal versante fiorentino, per scoprire alcuni dei luoghi più suggestivi ed evocativi del Parco: la Gorga Nera, Capo d’Arno e il Lago degli Idoli, luoghi mistici e di spiritualità legati ad antiche leggende. La salita al Monte Falterona ci porterà quindi verso la Foresta Granducale di Campigna, tra abeti e faggi secolari.

Tappa 3: Campigna – Castagno d’Andrea
Nella terza tappa ci troviamo davanti alla monumentale abetina del Granduca, in cui si entra dopo aver attraversato la strada asfaltata, nella parte alta di Campigna. Il sentiero è ampio e la salita diventa impegnativa solo nella seconda parte, quando gradualmente agli abeti si sostituiranno i faggi. Arrivati al parcheggio dei Fangacci il nostro sentiero corrisponde alla strada che prosegue a destra fino a Piancancelli. In questo luogo troviamo una sbarra ma è solo per le auto: noi continuiamo a camminare sulla stessa strada perché ci riporterà al parcheggio della Fonte del Borbotto, cioè alle nostre auto.

Modalità di fruizione
a piedi
a piedi
Durata
4 ore a piedi - 8 km (fonte Parco)
Complessità
Sentiero turistico (T) - Difficoltà dell'anello nel suo complesso: 2 (scala da 1 a 5)
Informazioni logistiche

Partenza e arrivo dell’anello di tre giorni

Castagno d’Andrea (FI).

Mezzi pubblici

Linea 322 con partenza da Firenze (Autolinee Mugello Valdisieve).

Quota e dislivello

400 m di dislivello in salita.

Periodo di fruizione
Caratteristica segnaletica
Scarica il tracciato KML


Scopri come usare il file KML

A causa del continuo mutamento dell’assetto idrogeologico del territorio, si declina ogni responsabilità rispetto all’esatta corrispondenza delle informazioni fornite e sulle condizioni di fruibilità dell’itinerario.